In Web.UP (anche Looc.UP) è possibile richiamare azioni di uso frequente, in differenti contesti utilizzando la funzione dello Spotlight. 

Per definire le azioni eseguibili dallo spotlight è  necessario utilizzare una serie di comandi definiti da Sme.UP come ALIAS: abbreviazioni di comando che ci riportano direttamente all’azione che stiamo eseguendo.

Tutti i comandi presenti per un installazione sono visualizzabili digitando ALIAS nello spotlight.

 

La sintassi con cui posso utilizzare i comandi prevede di indicare come prima parola l’ALIAS, seguito da eventuali parametri previsti dal comando stesso. (es. per richiamare la scheda cliente posso scrivere “CLIENTE mario rossI”).

Il separatore della variabili  è il carattere bianco. Se si vuole passare una stringa contenente caratteri bianchi la si deve racchiudere fra apici (“). Nella composizione della stringa dell’alias prestare attenzione agli spazi perchè hanno rilevanza nella composizione della stringa.

Nella sezione Analisi dei Comandi è possibile analizzare i vari comandi con l’indicazione della funzione che esegue il comando stesso

 

Come si definiscono i Comandi 

Gli alias standard sono memorizzati nello script ALIAS del file SCP_CLO mentre nello script ALIAS_X1 troverò quelli specifici per ogni singola installazione. I comandi specifici possono in tal modo essere aggiunti o sovrascritti a quelli standard.

Naturamente i comandi ALIAS sono oggetti  (V3 ALS).

Nella sezione SCRIPT PERSONALE della scheda ALIAS è possibile vedere il contento script ALIAS_X1 mentre SCRIPT STANDARD è lo script ALIAS

 

 

Completamento Variabili di Tipo  #

Utilizzando il carattere # è possibile completare una funzione richiedendo all’utente dei parametri ulteriori. Questi parametri possono essere obbligatori o facoltativi ed è possibile indicare l’oggetto facendo sI che in fase di convalida venga verificata la correttezza di quanto inserito. Tale obiettivo si ottiene inserendo il carattere # all’interno della funzione. Ciò permette in pratica una micro-configurazione della funzione stessa e si utilizza quando si devono chiedere pochi parametri e non si prevede alcun controllo di congruenza fra le diverse risposte. Diversamente si dovrà utilizzare il “setup di funzione”.

 

Esempio di funzione con variabili:

F(EXD;*SCO;) 1(;;) P(Stringa(#) Dove(#(O;BR;TAB£A;Contesto)))

Sostituisce la stringa e chiede un codice di applicazione obbligatorio assumendo BR.

 

A(LOIP_01;RIC;EMU) P(Str(#(F;;**Stringa;Stringa)) Whe(#(O;CF;TAB£A;Stringhe selezionate)))

La funzione presenterà  due finestre consecutive in cui chiede prima una stringa (di tipo facoltativo) da ricercare e poi l’oggetto di tipo TAB£A in cui cercare assumendo CF come default. Nel presentare la finestra di ricerca mostra inoltre la stringa “Stringhe selezionate”.

 

F(EXD;*SCO;) 1(CN;CLI;#(O))

Chiedo il cliente per cui presentare la scheda

 

 

 

ALCUNI ALIAS

Esistono particolari alias significativi come ad esempio:

  • CERCA : fornisce l’accesso alla scheda delle ricerche
  • SCH : apre la scheda di un oggetto
  • CLI: che apre la scheda di un cliente richiedendo il codice
  • ST-settore tabella

 

Nuovo Alias  O – Oggetto

Il nuovo ALIAS “O“( OGGETTO) permette di ricercare tutto ciò che è stato oggettizzato in Web .UP

Inoltre è stata implementata una nuova modalità che permette di scrivere direttamente nello spotlight il testo da trovare senza più doversi preoccupare di dover conoscere il codice di riferimento.

Quindi nello spotlight per richiamare qualsiasi oggetto potrò digitare O seguito dalla parola completa di ciò che desidero trovare.

Ad esempio se voglio cercare un determinato fornitore scriverò nello spotlight O FORNITORE. Il sistema in automatico mi proporrà  una finestra di richiesta dove dovrò indicare il codice del fornitore senza dovermi preoccupare di conoscere l’oggetto CNFOR.

 

Sinonimi

E’ stata implementata inoltre la possibilità di inserire nello script di ogni singolo ALIAS alcuni sinonimi dell’ALIAS stesso per facilitare la ricerca.

Ad esempio analizzo lo script dell’ALIAS “ACCOUNT”:

::C.ALS Alias="ACCOUNT" Meaning="Account" Function="F(EXD;*SCO;) 1(CN;NOM;#)" Snm="Potenziale;Prospect"

In questo caso all’allias ACCOUNT sono stati aggiunti i sinonimi POTENZIALE e PROSPECT. Nello spotlight potrò quindi inserire una dei tre significati che daranno luogo allo stesso risultato di ricerca.

Per ogni ALIAS è possibile utilizzare n sinonimi.

 

Autorizzazioni all’utilizzo degli ALIAS

Nella tabella B£P è stata inserita la classe ALIAS per le autorizzazioni all’utilizzo degli ALIAS.

Nella scheda delle autorizzazioni B£AUTO vengono specificate le autorizzazioni per le singole voci di ALIAS.

Gli Alias ‘CALL’ e ‘C’ sono autorizzati a NO per ** (TUTTI GLI UTENTI) e a SI per il gruppo **ADM.